bambola steiner

Chi di noi non ha avuto nella sua vita una bambola, una compagna di storie con la quale condividere le nostre giornate di bambina?

Come vi ho detto più volte, nella mia avventura da mamma ho deciso di rivolgermi spesso alla pedagogia Steineriana che rispecchia molto il mio modo di essere innato, questa pedagogia può essere definita la pedagogia della semplicità…i bambini nel giocare spesso imitano gli atteggiamenti della vita quotidiana e per questo motivo noi genitori siamo il loro esempio.

La bambola è l’immagine dell’essere umano, nella pedagogia steineriana prima di tutto questo gioco non è destinato solo alle femminucce ma anche ai maschietti, infatti una distinzione non ha senso, sia la bimba che il bimbo hanno come esempio la mamma che si prende cura di loro o dei fratelli e nello stesso modo il bambino quanto la bambina si prenderà cura della propria bambola.

Oltre questo Steiner raccomanda un tipo di bambola con pochi tratti, semplice e possibilmente fatta a mano dalla propria mamma…cosa c’è di più magico di questo? I pochi tratti mirano a stimolare la fantasia del bambino che vedrà la sua bambola una volta sorridente e una volta arrabbiata.

Io ho realizzato per Annalisa vari tipi di bambole Waldorf o stineriane iniziando per gradi

La prima è stata una bambola di nodi, al bambino basta anche solo questo per attivare la fantasia!

bambola di nodi

Poi una piccola bambolina a fagottino, soffice soffice

bambola waldorf

Fino ad arrivare alla bambola vera e propria che Annalisa ha chiamato Nenè e che ama immensamente!

bambola waldorf

 

bambola waldorf

Buona giornata vi aspetto Venerdì con una sorpresa!

10 comments

///////////////
  1. manuela

    è meravigliosa!!ne vorrei regalare 1 cosi a mia figlia…..potrei acquistarla da te?te ne sarei grata..))certo nn quella della tua bimba!!

    1. silvia

      Lo sai che è in programma un piccolo shop nel sito dove mi piacerebbe vendere le mie bambole!?…comunque aspetta venerdì che ci sarà una sorpresa poi al limite scrivimi in privato e ne parliamo, io sono disponibilissima a farla e mi farebbe molto piacere!

  2. sara

    noi abbiamo fatto un corso per realizzarle… è stato bellissimo: e vedere la tua bimba che dorme con il frutto del tuo lavoro non ha prezzo!

  3. vanesa

    da quando ho conosciuto nenè mi girava nella testa che anch’io volevo una cosi per la mia piccolina, ho aspettato tanto ma ora finalmente arriverà per un giorno speciale quello del suo secondo compleanno.
    Voglio ringraziare te per avermi trasmesso questa passione che fai con tanto amore quello che riesce a contagiare anche le mamme come me che fino a qualche tempo fa neanche immaginava di fare una cosa simile e sopratutto grazie per tutto l’aiuto nella realizzazione della nostra bambolina, senza non ce l’avrei fatta! 😉

  4. nirvana

    ho comprato oggi una bambola Waldorf,capelli color carota,èbellissima …l’ho chiamata Cami

  5. cettysole

    ciao silvia. complimenti per tutte le tue bamboline :) l’idea di crearne una mi ronza in testa da un po’, così ultimamente vado sempre a finire su siti con tutorial e altro che riguardano le bambole. poi finalmente l’altro giorno mi sono decisa e ho cominciato…pensando di regalarla poi alla bimba di una mia cara amica. ma mio figlio, che ha 5 anni, ieri l’ha vista, ancora ad uno stato molto grezzo, solo la pelle, diciamo così, senza capelli nè viso nè vestiti…e l’ha voluta per sè! dice che è il suo fratellino, e lo tratta e lo coccola proprio come se fosse vero! che emozione…

    1. silvia

      che bello…si infatti i nostri stereotipi ci fanno credere che sole le bimbe possano far da mammine ma non è vero! i bambini a questa età trattano le bambole come fratelli e non come figli!

  6. Dani

    Ciao volevo chiederti a che età hai dato alla tua bimba le tre diverse bambole. Leggendo il tuo post ho fatto anch’io a Gabriele la prima bambolona di nodi, mi chiedevo però quando passare al fagottino e poi alla vera e propria bambola Waldorf. Grazie ciao

    1. silvia

      Ciao Dani, diciamo che le età sono a tua discrezione, in teoria un bambino può avere anche per sempre solo quella di nodi, magari si può affezionare e vedere in quella la sua compagna di giochi. Io ti dico che le ho fatto subito quella a sacchetto, verso i 6 mesi, e poco dopo quella vera e propria, prima dell’anno questo perchè ci tenevo si affezionasea alla vera e propria bambola waldorf e poi perchè mi piaceva sperimentare la realizzazione 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.